Il cambiamento

“L’unica persona che sei destinato a diventare, è la persona che decidi di essere”.

Ralph Waldo Emerson

Ho sempre amato questa parola, non particolarmente lunga ma con un suono così meraviglioso:

cam-bia-men-to.

Quante volte l’ho ripetuta tra me e me, in maniera lenta e poi man mano sempre più veloce, e mi accorgevo che in me creava una sensazione di libertà ma nello stesso tempo anche di paura, tanta paura…

Quante volte le persone fanno propositi e si dicono “domani cambio” ma spesso questa trasformazione non avviene mai.

Raggiungere il cambiamento significa attraversare un percorso lungo, difficile e complesso, lavorando duramente su se stessi e coltivando una forte determinazione.

Siamo così abituati a rimanere nella nostra zona di comfort che non riusciamo a spingerci oltre, quell’oltre che è una zona sconosciuta a noi, ma che se solo ci lasciamo andare diventa fantastica, perché riusciamo a scoprire un altro noi, con mille risorse che non pensavamo di avere.

Perché ho iniziato il mio articolo con questa parola? Perché anch’io ho voluto intensamente fare questo percorso. Ho voluto mettermi in gioco, ho voluto scoprire un altra me stessa e mi sono resa conto che tutte le paure che all’inizio avevo si stavano via via sgretolando.

Volevo una vita migliore e per motivi personali mi sono resa conto che quello che facevo mi andava stretto, volevo realizzare, (sono una grande sognatrice) una cosa mia, lavorando da casa e senza dover sprecare così tanto tempo per recarmi al lavoro. Tre ore al giorno, quindici ore a settimana, sessanta ore al mese e così via, solo per spostarsi da casa a ufficio.

Volevo più tempo per me stessa, per i miei cari. Ora ho la possibilità di pianificare il mio tempo senza dover all’ultimo momento rinunciare ad incontrare quella persona che da tanto tempo, troppo tempo, non vedo. Oppure semplicemente dedicarmi alle mie passioni, ai miei hobby.

Saranno piccole cose ma che per me fanno la differenza. Adesso, posso dire di incominciare a vivere una vita migliore.

Certo, non sono riuscita a fare questo percorso da sola, mi sono avvalsa di una coach professionista, la quale mi ha stimolato a prendere coscienza e sviluppare le mie potenzialità, attraverso un piano d’azione mirato al raggiungimento degli obbiettivi che ci eravamo prefissati.

Posso dire di essere una nuova persona, di essere consapevole che con forza di volontà si può percorrere qualsiasi strada verso la rinascita. Ma non posso e voglio fermarmi perché il percorso è ancora lungo ed ho ancora tanto da scoprire su me stessa.

Mi piacerebbe, che dopo aver letto questo articolo, anche tu pensassi e iniziassi un nuovo percorso di rinascita.

Cosa ne pensi? Non hai voglia di cambiare? Allora perché aspettare? Coraggio mettiti sotto a lavorare per creare il tuo cambiamento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × cinque =