Come possiamo smettere di procrastinare nel lavoro?

Procrastinare

“Non rimandare a domani quello che puoi fare oggi”

– Benjamin Franklin –

 Mi ha sempre colpito questa frase del poliedrico Benjamin Franklin. Se ci pensiamo bene a chi non è mai capitato di procrastinare a domani o nei giorni a seguire, per non parlare di settimane, compiti che avremmo dovuto svolgere il giorno stesso.

Le scuse che normalmente ci diciamo sono: “siamo stanchi”, “non abbiamo tempo” o che in quel preciso momento “non abbiamo voglia”.

Sarebbe opportuno capire le emozioni che giustificano questi comportamenti. Se riflettiamo bene questa cattiva abitudine si manifesta per:

  • Pigrizia.
  • Mancanza di motivazione.
  • Paura.
  • Scarsa organizzazione.

Tutto questo genera in noi una sensazione di insoddisfazione, che può essere superata con alcune strategie.

1. Domandarsi perché rimandiamo tutto a domani: può essere che non riusciamo a svolgere i compiti in quel momento preciso? Comunque dobbiamo superare la nostra pigrizia ed iniziare ad agire.

2. Pianificare i propri impegni: pianificare le attività da svolgere è un buon sistema. A patto che poi si agisca e non ci si blocchi nel giustificarsi ritenendo di non avere in quel momento l’energia sufficiente per affrontare l’impegno programmato.

Attraverso una stesura della propria to-do list riuscirai a pianificare al meglio gli impegni. Devi fare attenzione che quando redigi la lista delle cose da fare, questa non deve essere troppo carica: 3, 4 cose. Solo così riuscirai a portare a termine i compiti.

Tracciare i tempi delle attività da svolgere è un ottimo metodo per non procrastinare.

3. Attenzione alle distrazioni: concentrati sulle attività importanti che devono essere fatte. Solo quando hai terminato il compito prefissato potrai prenderti una breve pausa, come ad esempio: una camminata, una pausa caffè, ecc.

4. Affronta i compiti più impegnativi: normalmente la mattina è il momento dove ci si sente maggiormente produttivi. Se si ha un compito importante, il momento migliore per svolgerlo è proprio il mattino.

Al pomeriggio invece, quando normalmente c’è un calo di energie, potrai occuparti di compiti meno impegnativi.

E tu, procrastini i tuoi impegni o riesci a svolgerli serenamente? Se hai altri consigli per sconfiggere la procrastinazione, scrivili nei commenti qui sotto.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × tre =